Il corretto attacco al seno Prossimo Articolo Mio figlio morde

Il corretto attacco al seno

Indicazioni pratiche per l’allattamento

Sottovalutato e dato per scontato un corretto attacco al seno è un ingrediente fondamentale per l’allattamento.
Si pensa tendenzialmente che per allattare la cosa davvero importante sia avere latte, ma in realtà non si considera che per avere una buona produzione di latte (e tutta un’altra serie di benefici) la prima cosa di cui occuparsi è proprio lui: il corretto attacco al seno.

Vediamolo meglio.

Profondo e asimmetrico

Il corretto attacco al seno si può definire PROFONDO e ASIMMETRICO.
Il che si intende che il piccolo non deve avere in bocca solo il capezzolo (attacco superficiale), ma anche una porzione di areola.
Da qui molti esperti di allattamento ci fanno notare che non si parla di attacco al capezzolo, ma bensì appunto di attacco al seno.
L’attacco deve avvenire mentre il piccolo ha bocca ben aperta e ben ampia, come nel caso di uno grande sbadiglio. Guardando il piccolo che ciuccia si dovrebbe notare una porzione di areola in corrisponenza del naso del piccolo, ma non più sotto vicino al mento. Inoltre dovrebbe sembrare come se la bocca fosse piena, le guance ben tonde, il labbro inferiore estroflesso, il mento del bimbo a contatto con il seno.

Nel corretto attacco i corpi di mamma e bimbo sono molto molto vicini e il corpo del piccolo è ben adagiato e sostenuto dal corpo materno.
Qualsiasi sia la posizione scelta la mamma deve essere comoda, la sua schiena e le sue braccia ben appoggiate su supporti o cuscini.
Mamma e piccolo dovrebbero esser sempre uno di fronte all’altra e orecchio, spalla e anche del bimbo sullo stesso asse

Che vantaggi ha un corretto attacco al seno?

  • Assenza di dolore durante la poppata: il corretto attacco prevede, come già descritto, che la bocca sia ben aperta e l’attacco sia profondo. Dentro la bocca del bimbo il capezzolo entra in contatto quindi con il palato molle e non con il palato duro o le gengive. Questo evita schiacciamenti, fastidi, sfregameti e dolore al capezzolo
  • Assenza di ragadi: per il meccanismo appena descritto, se l’attacco è profondo, si allontana il rischio di sfregamenti, schiacciamenti, escoriazioni del capezzolo e ragadi.
    Molto importante è sapere che l’unica causa di ragadi è un attacco scorretto e che l’unico modo per aiutare escoriazioni o ragadi a guarire efficacemente è correggere l’attacco al seno
  • Buona crescita del bimbo: un buon attacco è con grande probabilità associato ad una buona suzione ed un adeguato passaggio di latte dal seno al bimbo, con benefici sulla nutrizione e crescita
  • Meno probabilità di ingorghi e dotti ostruiti: sempre perché un bimbo che ciuccia e si attacca bene drenerà efficacemente il seno
  • Buona produzione di latte: un buon attacco al seno e poppate regolari sono fondamentali per fornire al seno lo stimolo necessario ad una buona produzione di latte, in linea con le necessità del bambino

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

©2021 Elena Cortinovis, Educatrice - Disciplina Dolce
Tutti i Diritti Riservati.
P. Iva 04461150163