Peg Dolls: raccontiamoci una storia. Articolo Precedente Il bambino creativo. Prossimo Articolo Autunno: i colori negli...

Peg Dolls: raccontiamoci una storia.

Come si racconta una storia?

Lo si può fare in molti modi:

con l’aiuto di un libro,

con la fantasia,

con i racconti tramandati da generazione in generazione.

Ma oggi vi vorrei parlare di un modo nuovo: aiutandoci con le peg dolls.

Cosa sono?

Ve le mostro, perché solamente guardandole possiamo far nascere la curiosità verso questi pezzetti di legno resi unici da un pizzico di magia.

Queste bamboline, a ispirazione Waldorf, accompagneranno i vostri racconti rendendoli unici, reali e colorati.

Sono bamboline di legno, alte circa 5 cm, senza espressione poiché sarà il bambino a riflettere la propria nella bambola.

Esattamente come funziona nelle classiche BAMBOLE WALDORF.

Non c’è un minimo o un massimo di età per il loro utilizzo, si può partire sin dai primi mesi con la semplice manipolazione, per arrivare verso i 9 mesi con i travasi della bamboline da un contenitore all’altro – grazie alla loro piccola dimensione – fino ad arrivare al gioco simbolico con i bimbi più grandicelli!

Le possibilità sono infinite.

Mestieri.

Stagioni.

Colori.

Emozioni.

L’elenco potrebbe essere infinito, solo la fantasia può fermarvi.

Io me ne sono innamorata.

Dove acquistarle?

Ci sono brand “commerciali” che le realizzano come Grapat o Grimms , qualità e materiali ottimi per entrambi, Ma se avete voglia di scovare qualcosa di particolare, sono molte le artigiane che realizzano le peg dolls, la maggior parte le trovare su Etsy, in regno dell’artigianato!
Se, invece, siete appassionate di fai-da-te, potete acquistare dei kit naturali e divertirvi a colorarli con colori acrilici!

Nel mondo dell’immaginazione esse possono prendere vita, farci scoprire mondi incantati e fatati, aiutarci a superare le nostre paure, proprio come accade nel gioco simbolico.

Nel frattempo lasciatevi ispirare da queste bamboline, perché la fantasia per i bimbi non ha limiti, ma per noi adulti?

Elena

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *